I vostri viaggi

Il viaggio di Francesco ad Upton Park, con le emozioni di quella giornata che vivranno per sempre dentro di lui…

I RACCONTI DEI VOSTRI VIAGGI: di seguito, Francesco ci racconterà della sua prima ed ultima volta ad Upton Park…

Maggio 2016,Londra.

In largo anticipo mi organizzo per l’ultima ad UPTON PARK del mio West Ham, prima che lo storico stadio fosse abbattuto: faccio la membership card, compro I biglietti della partita, quelli dell’aereo, chiamo un amico per organizzare l’appoggio. Non mi resta che partire. Ero eccitato.

Purtroppo per me il 7 maggio non sarà la data dell’ultima ad UPTON PARK.

Gli Hammers avanzano in coppa di lega e, ad aprile, affrontano il Manchester United e rinviano una partita di Premier League proprio contro i Red Devils, la quale slitterà al 10 maggio dopo quella che inizialmente in doveva essere l’addio ad UPTON PARK, il 7 maggio appunto. Fa nulla si parte lo stesso, erano anni che dicevo “prima o poi vado”. Parto la mattina stessa della partita, in aeroporto a Ciampino ricordo c’era una marea blu di persone che andavano a vedere il Leicester fresco campione d’ Inghilterra, io l’unico con la maglietta del West Ham…. Arrivo a Londra intorno le 10:00, il tempo di raggiungere il mio amico e farci una birra, ci avviamo nei pressi dello stadio. Scesi alla leggendaria fermata di UPTON PARK, si inizia subito a respirare il clima partita, percorriamo la celebre Green Street e poi lo storico pub “The Boylen Tavern”. Altro giro altra pinta, immerso tra tanti i tifosi ammassati al bancone, di fronte alla statua di Bobby Moore. Pensavo: “cazzo, sono dentro il pub di Hooligans (il film) che ho visto 100 volte”. Manca poco, il tempo di un panino al volo, entriamo. Piccolo tornello, stretto, tre gradini e si è dentro…  Magia.

Prima impressione la vicinanza al campo poi parte”I’m forever blowing bubbles”. Le classiche bolle all’ingresso delle squadre, semplicemente da brividi! Il sostegno della Bobby Moore Stand si rivelerà relativamente costante. L’avversario è lo Swansea di Guidolin e Paloschi, per la cronaca la partita finisce 1 a 4 per i gallesi, ma questo non desterà malinconia per la mia prima ed ultima volta ad UPTON PARK.

 

PS: so che ci sono molte fazioni di italiani organizzati e più costanti di me che hanno respirato a pieno il clima di UPTON PARK, ma niente e nessuno mi porterà via l’orgoglio di aver varcato i cancelli di un luogo così pieno di storia.

Farewell Boylen 1904-2016

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.