I vostri viaggi

I racconti dei vostri viaggi: il viaggio di Samuel tra Londra, Manchester, Liverpool e Glasgow

I RACCONTI DEI VOSTRI VIAGGI: di seguito, il giovanissimo Samuel ci racconterà dei suoi viaggi in UK e delle emozioni provate tra l’Emirates Stadium, l’Old Trafford, Anfield e Celtic Park.

A 17 anni ho visitato 5 stadi in UK, e questo è solo l’inizio!
Il primo è stato l’Emirates Stadium, un paio di anni fa. Quando l’ho visto ne sono rimasto affascinato, soprattutto dall’esterno, dove ancora oggi si respira un po’di storia dei Gunners. Beh, anche all’interno è bello, ma secondo me, non rispecchia il “modello inglese”.
Il secondo stadio, invece, è stato Celtic Park. Incredibilmente fantastico e difficile da descrivere. Non a caso viene chiamato “Paradise”. L’estate scorsa, invece, ho messo piede per la prima volta a Manchester, dove ho avuto modo di vivere sulla mia pelle l’Etihad Stadium, la casa del Manchester City. Ripensandoci, a dire il vero, quella visita mi ha deluso un po’, dato che l’ho trovato privo di storia. Beh, fortunatamente non posso dire lo stesso dell’Old Trafford, la casa del Manchester United. Passeggiando tra le mura di quello storico stadio si può respirare l’incredibile storia dei Red Devils, così come ad Anfield, dove ad ogni partita viene intonato il leggendario You’ll Never Walk Alone, inno dei Reds.
Tra tutti questi stadi, però, non nego che le emozioni più forti le ho provate proprio all’Emirates Stadium. Forse perché è stato il primo stadio Inglese che ho vissuto. Beh, toccare con mano le statue di Henry e Bergkamp è stato emozionante, così come passeggiare nel museo dell’Arsenal , con le prime maglie, e i numerosi trofei vinti che dominano la scena.
Un’altra cosa che mi è rimasta impressa di quel giorno è che la sera stessa fu disputata la prima partita di Premier League della stagione 2017/18 tra Arsenal e Leicester City, e rimasi senza parole quando vidi i tifosi del Leicester che passeggiavano tranquillamente accanto a quelli dell’Arsenal, con alcuni di loro che entrarono addirittura dentro lo store dell’Arsenal. Cose alquanto impensabili in Italia, anche se sono consapevole che in un North London Derby la situazione è ben diversa …
Per concludere, anche all’Old Trafford ho provato emozioni simili. Più che altro pensando al numero infinito di talenti che sono passati da quelle parti e al leggendario allenatore Sir Alex Ferguson . Ripensandoci, il tour dell’Old Trafford credo sia stato il più bello che ho vissuto fino ad oggi, anche grazie alla simpaticissima guida che incontrai quel giorno. Era un signore sulla settantina d’anni, che oltre a mostrarci lo stadio ci raccontò tanti aneddoti storici che mi fecero capire che all’Old Trafford dovevo tornarci. Non più per un tour ma per una partita del leggendario Manchester United!

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.